Regolatore di Tensione LM317T

Da Fablab Imperia Wiki.
Versione del 4 ago 2016 alle 14:45 di EnricoCNC (Discussione | contributi) (Creata pagina con "I facili guasti dei regolatori di tensione (a 3 piedi x intenderci) sono dovute alla presenza di tensioni inverse che rovinano l'integrato. Nel caso della serratura nfc, ogni...")

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

I facili guasti dei regolatori di tensione (a 3 piedi x intenderci) sono dovute alla presenza di tensioni inverse che rovinano l'integrato. Nel caso della serratura nfc, ogni qualvolta avessimo provveduto all'alimentazione da usb x la verifica dello sketch abbiamo alimentato il regolatore all'inverso!

L'errore + banale da me fatto nel tentativo di far funzionare il motore con non + di 12 V posticipando il condensatore dopo raddrizzatore e regolatore (e non solo dopo il primo) idem ha creato la sua fusione (per la corrente inversa creata dal condensatore allo spegnimento del dispositivo)!

La giuda eccessivamente dettagliata che da ragguagli in merito al funzionamento del particolare regolatore di tensione variabile LM317T è http://www.adrirobot.it/elettronica/lm317/lm_317.htm e suggerisce il DS1 e DS2 per evitare danneggiamenti rispettivamente x correnti inverse o cortocircuiti accidentali (per l'eventuale aggiunta del condensatore C3 per il particolare regolatore LM317T). Da far attenzione ad un errore di rappresentazione del diodo a fine pagina e fissato R1 a 225 dimensionamento R2 ottenuto per tentativi con i seguenti dati rilevati:

18.9 - 7.7=     18.9 - 6.8= Delta

11.2     12.1 -0.9

1165     1005 647

m=-178

q=3160

Per ottenere i 5V partendo dai 18.9:

18.9 - 5.00 = 13.9

(-178 * 13.9) + 3160 =

685Hom

by Valerio